“…Paura di me, di tutto quello che non so, di tutto quello che non ho…”

 

CREDO CHE LE FAVOLE SIANO SOLO SCRITTE PER I BAMBINI MA IO CI CREDERO’ PER SEMPRE

CREDO CHE, ANCHE SE NON VOGLIO, E’ IMPOSSIBILE NON AFFEZIONARMI

CREDO CHE QUESTO MIO MODO DI PORMI VENGA SEMPRE FRAINTESO

CREDO CHE, PER QUANTO CI POSSA SBATTERE CONTRO, CREDERO’ SEMPRE NEL MIO PROSSIMO

CREDO CHE SENZA UN CREDO NON POSSA ESSERCI VITA

CREDO CHE CI SONO SEMPRE PIU’ ST****I, MA QUALCUNO DI SPECIALE C’E’


Un weekend in tutta calma e all’insegna della noia. Ho aspettato tanto questi due giorni di relax totale che non me li sono potuti neppure godere; difatti venerdì sera, completamente inebriato dalle parole di una persona, non avevo assolutamente voglia di uscire. A dire la verità ero inebriato sopratutto dalla mia gioia di avere incontrato una persona così speciale.
Però la Barbara ha avuto un ruolo determinate nella fase di convincimento ad uscire, così ho ceduto.
Siamo andati per prima al Gasoline. Ma che tristezza… Ricordo a quanto ci siamo diverti questo inverno. Ora la desolazione totale… Il tempo di bere qualcosa e siamo fuggiti immediatamente. Destinazione: Bounty. Era ancora più triste! Praticamente deserto.
Lo sapevo che dovevamo andare al Tantra, ma non ero "mentalmente stabile" per poterci andare… Ero troppo nel mio mondo e mescolarmi in mezzo a tutta quella bolgia non era affatto il mio ideale di serata.
Ma anche così la serata si è dimostrata una vera schifezza.
Morale della favola: a casa alle 2. Quando potevo benissimo starmene a casa a rilassarmi e vedere un film.

Il sabato, finalmente giorno di riposo, ho passato tutta la mattina a letto. Al pomeriggio, invece, come sempre, all’Azzurro. E’ inutile, lavorare la per un anno e mezzo ha provocato in me una sorta di legame fisico con tutti i miei ex colleghi. E non posso stare senza vederli per più di una settimana. Ed il bello è che riuscirei a starci per una giornata intera a parlare con loro. Ed è proprio per questo che stò valutando di tornare a lavorarci il sabato e la domenica. Anche se così facendo lavorerò 7 giorni su 7.
Alla sera cena a casa della Vale e Matteo con Barbara e Cla. Quella pazza ha fatto delle mega fiorentine che per mangiarne metà ci ho impiegato un’ora. Già che nell’ultimo periodo, a forza di mangiare come un suino a casa della mia cognata a pranzo, sono anche aumentanto di qualche chiletto!!! Comunque è stata una serata piacevolissima ed ho rivalutato un totale Matteo. La Vale, come sempre, era bellissima.
Dopo cena siamo andati tutti al Barrumba. Pieno come un uovo, bella gente ma… musica da fare veramente urlare allo schifo più totale! Non so se era il fatto che la mia mente era altrove… Ma anche ritrovarmi a ballare con la Cla (che era una vita che non lo facevamo più!) con quel cesso di musica non mi divertivo. Fortuna che c’era Andrea. Il barista. Mojito…
Dopo un poco la Vale, Matteo e la Cla se ne sono andati e io e Barbara siamo andati all’Absoul. A piedi. Perchè quella persa aveva bevuto un poco troppo e non ce la faceva a guidare… Anzi, barcollava e rideva come una beota… Per una volta i ruoli si sono invertiti!!! Ma anche arrivati là… Desolazione… Eravamo abituati ad entrare a forza di spintoni… Invece il vuoto quasi totale! Per fortuna la musica era al solito livello. Così dopo aver fatto un’ora di ballo ci siamo diretti nuovamente alla macchina (con la Barbara in uno stato pietoso ed ho dovuto guidare io la sua macchina).

La domenica, completamente in coma, mi viene a svegliare Alan (ma la Mila c’era con lui o era solo? Non ricordo….) per potere andare a casa dei miei genitori per fare il pranzo in famiglia. Miracolosamente sono riuscito a fare la mia porca figura davanti al parentado… Anche se i postumi delle bevute della sera prima erano presenti.
Sono poi rimasto tutto il giorno a casa. Non ho avuto voglia di mettere il naso fuori dalla porta. Divano, computer, film e rosticceria cinese alla sera protagonisti.

 

…EPPURE SENTIRE UN SENSO DI TE…

…C’E’ UN SENSO DI TE…

∂єνιѕ

 

3 commenti
  1. Orizzonte Lontano says:
    Nietzsche invece voleva che l’uomo per diventare libero uccidesse ogni sua certezza e convinzione… Che vivesse ogni giorno come se dovesse ripetersi all’infinito..
    Non saprei.. A me Nietzsche sta anche simpatico..
     
    Ma… Non è che ti dai troppo ai bagordi, messere?…
    Non sei mica più un giovinastro… (^_^)…
     
    Konbanwa..
    Rispondi
  2. Terry Crazy says:
    (¯`v´¯)
    `·.¸.·´
    ¸.·´¸.·´¨) ¸.·*¨)
    (¸.·´ (¸.·´ .·´¸¸.·´¯`·->…Ciao passavo di qui e ho notato ke il tuo blog è davvero BELLO..spero passerai presto
    nel mio e rikambierai la visita esprimendo un tuo parere sul mio blog …Kisses !!!!
     
                                 (((¯`’•.¸(^_^)¸.•’´¯))) T*E*R*R*Y (((¯`’•.¸(^_^)¸.•’´¯)))
    Rispondi
  3. marziulell​a staiano says:
    CREDERE IN QUALCOSA è BELLO… CREDERE ANCORA NELLE FAVOLE è UNA COSA MERAVIGLIOSA, ANCHE IO CREDO ANCORA NELLE FAVOLE  MA PURTOPPO LA REALTà
    CHE CI CIRCONDA CI SOBBALZA FUORI DA QUESTO MONDO FACENDOCI AFFRONTARE LA REALTà E TUTTE LE DIFFICOLTà CHE CI RISERVA LA VITA. GRAZIE X I COMMENTI SEI
    STATO CARINISSIMO 🙂 TVB. PS. QUANDO PUOI IN MSN TI KIEDERE UN’INFORMAZIONE.
    PS.. OGGI NN SN ENTRATA NEMMENO IO SN ANDATA A FARE LE COMPRE X PASQUA. TVB.
    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *