Il quadrilatero

Ebbene sono ancora impegnato in fiera e irrimediabilmente latitante ma, diciamo, in pochi giorni tutto dovrebbe tornare alla norma.
E poi esporrò la verità come appare: in fiera è nato una nuova associazione: il quadrilatero :D.

Ieri con Roby, all’uscita dalla fiera, siamo andati ai Malatesta a fare un poco di spesa e poi, una volta a casa, abbiamo mangiato qualcosa di dietetico: gnocco fritto e tigelle! Una manna dopo la giornata lavorativa in cui do sempre l’assalto all’angolo siciliano mangiando cannolo, cassata e arancini al ragu e piselli e al prosciutto e mozzarella 😛
Praticamente una fame cronica che mi fa mangiare tutto il giorno. Il problema è l’essere adiacenti all’angolo vendita: appena sento un languore eccomi la a comprare qualche leccornia da mangiare.

Comunque ieri sera ho mangiato come un vitello (tanto per cambiare) e di gnocco fritto ne avevo proprio voglia: erano anni che non ne mangiavo e fortuna vuole che all’ipercoop avevamo trovato anche il parmigiano da pasteggiare: ci va a nozze con la tigella e il gnocco 😛

Stasera, invece, Roby ha preparato la pizza e, come tradizione vuole, me ne sono spazzate tre in un lampo. Mamma mia… Forse è veramente il caso mi metta a dieta, altrimenti non passo più neppure dalla porta.
Anche ora, una volta sistemata la cucina, ci ritroviamo, in piena vita sedentaria: nel letto a guardare la tv (correggo: lui ronfa come una motosega ed io con il portatile che sto scrivendo).
Stamattina è andato con le sue colleghe a Bologna e lo ritrovo abbastanza cotto, non è davvero abituato stare in giro sempre :D.

Ma, tornando al titolo, vorrei spiegare la storia del quadrilatero: si tratta di quattro persone appartenenti a diversi stand in fiera che hanno stretto amicizia ed oggi li si poteva vedere nei rispettivi posti di lavoro con il cellulare nelle mani (quando non c’era gente) che, avvertiti dalle notifiche, andavano su facebook per commentare i rispettivi stati o foto. Ed era comica come situazione: una ragazza dietro un boureau, un ragazzo vicino a colonne nere e due ragazzoni sotto un ombrellone 😀

Da dire che solamente due di questi quattro si conoscevano prima di sabato. Ora pare siano compagni di merende (siciliane, appunto).
Inutile dire che uno dei quattro figuri son io no? Il secondo è Alan e gli altri due son Jacopo e la Susy, nomi nuovi nel panorama amici. Favolosi!!!!!

Oggi nella mia pagina di Facebook c’è stato parecchio via vai ed ho dovuto pure ricaricare l’iphone perchè la batteria era andata completamente (di solito ci faccio due giorni tranquilli). E ci credo! Tra segnale dati ballerino e continue notifiche ha già fatto tanto a non esplodere 😀

Domani è l’ultimo giorno di fiera e devo ammettere che il quadrilatero mi ha aiutato un sacco a farmi passare velocemente il tempo. Bella ‘sta cosa!!!! 😀

Va’ ora mi metto a ronfare altrimenti domattina, oltre alla panza prominente avrò anche dei vistosissimi pestoni e, sinceramente, voglio essere (per quanto possibile) favoloso!!!! Ahahahahahah!

Soon soon

Devis
lunedì 28 novembre 2011

6 commenti
    • Devis
      Devis says:

      Ma insomma Giovy… Come faccio???? A gennaio sarò una botte!!!! Con sta fame che mi ritrovo e sta panza….
      (cmq… mi rincuoro, sai come si dice? Sotto la panza ce sta la sostanza :D)

  1. Chagall says:

    Oh, ma sono super contento che hai trovato degli amichetti!
    E poi devono essere super simpatici se sono riusciti a distogliere i tuoi pensieri dal tipo in mutande. XD

    Rispondi
    • Devis
      Devis says:

      Si lo ammetto… Son favolosi (be’ Alan lo è da una vita… Non sarebbe il mio migliore amico, il mio collega nonchè (scoop) mio nipote :D)
      Con gli altri due è iniziata una bellissima amicizia. E devo ammetterlo… Siamo stati dei bellissimi compagni di merenda.

      Hai ragione… Il tipo in mutande… chi è????????

    • Devis
      Devis says:

      Ma infatti!!!! Solo che non voglio essere così “sboccacciato” 😀
      Se inizio a togliere i freni inibitori potrebbero censurarmi ahahahahahahhaha

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *